Macchine per Prove di Trazione

Macchina per Prova di Trazione

La macchina di trazione viene usata in moltissimi campi.
Il suo uso più classico è l'esecuzione di prove di trazione su provette in acciaio o plastica.

Si possono eseguire:

  • Prove di rottura e non.
  • Prove di fatica a trazione.
  • Prove di kreep.

Viene calcolato il carico massimo di rottura, la resistenza a trazione, il modulo elastico di Joung, il modulo di Poisson, il coefficiente di anisotropia, sigma, Rt, Rp0,2, l'allungamento percentuale, lo snervamento superiore ed inferiore.

La macchina di trazione, detta anche dinamometro o macchina universale, esegue tante altre prove, per esempio, si eseguono:

  • Prove di Trazione su Materie Plastiche, secondo la norma Iso 178.
  • Prove su Materiali Incollati.
  • Prove di Trazione catene.
  • Prove su Molle di trazione.
  • Prove di trazione su Trefoli, su corde, per esempio corde navali, per alpinismo.
  • Prove di trazione su Ganci, Prove su Tessuti, Prove su carta o cartone.
  • Prove di trazione su peeling, per vedere la forza di adesione di etichette.
  • Prove di adesione delle piste di rame su circuiti stampati.

La macchina, con opportuni piattelli, esegue prove di compressione a rottura o no, nel secondo caso le prove più comuni sono su molle.
Alle macchine di trazione sono abbinati estensimetri, forni e camere climatiche.

Nella stessa macchina si possono montare fino 3 Celle di carico diverse con relative pinze di trazione.
Le pinze possono essere manuali, pneumatiche o idrauliche.

Sia l'elettronica che il software sono interamente sviluppati da EASYDUR per essere in grado anche di soddisfare le più svariate richieste di personalizzazione del cliente.
Le nostre schede elettroniche lavorano a 1000 Hz perciò in tempo reale evitando così l'impiego di filtri.

Il nostro software WIZARD, basato su Windows 7, è in grado a fine prova di dare tutti i risultati utile come % di allungamento, resistenza a trazione ecc.
La nostra elettronica è già predisposta per l'interfaccia di un estensimetro, strumento adottato per una migliore lettura dell'allungamento del pezzo.